Iscriviti alla mailing list

per essere informato su tutte le attività dell'associazione

clicca qui


Vi dico...

usa in forma anonima questo form, oppure indica un recapito, per comunicare con noi



17 marzo 2009 - Senza una sede


«Sin dalla sua nascita, l'associazione Jonathan - Diritti in movimento ha concentrato molte delle sue energie nell'accoglienza, diventata la sua attività principale: la riunione del lunedì è diventata un appuntamento fisso, quasi mai interrotto, neanche durante vacanze estive. Il successo delle riunioni del lunedì ci ha convinto a raddoppiare l'appuntamento, aprendo la "nostra" sede anche il sabato pomeriggio, con cadenza quindicinale e/o mensile.
Se tutto questo è stato possibile, dobbiamo ringraziare solamente l'Arci Provinciale di Pescara, che fin dal 2003 ci ha permesso di utilizzare gratuitamente una delle sue stanze - a volte tanto piena da essere stretta...
PURTROPPO, IN QUEST'ULTIMO PERIODO L'ASSOCIAZIONISMO (QUELLO VERO, VOLONTARIO E AUTO-FINANZIATO) È IN PROFONDA CRISI, E L'ARCI NON PUÒ PIÙ PERMETTERSI DI OSPITARE GRATUITAMENTE LE ALTRE ASSOCIAZIONI SE NON CON CONDIVISIONE DELLE SPESE...»
Già nel maggio 2007 l'Associazione Jonathan - diritti in movimento denunciava una situazione di disagio che metteva a rischio la programmazione dei suoi servizi alla cittadinanza tutta e alle persone GLBT in particolare.
In due anni, come fossero grani di un rosario, siamo passato da un assessore all'altro, abbiamo ascoltato promesse su promesse, portato a casa vagonate di "abbiate pazienza, c'è da aspettare", partecipato E VINTO insieme ad altre 23 associazioni collegate in una rete un bando per l'assegnazione di una sede e, di nuovo, ad aspettare e aspettare, e aspettare ancora.
Il cancro che divora l'Italia, il cosiddetto "mala-governo", che altro non è che un amalgama mefitico di semplice incompetenza, pura ignoranza, cinica indifferenza e disgustosa egoismo, il tutto condito con una visione distorta del concetto di autorità e potere - dove chi si trova a governare, decide PER il cittadino (nel senso di: al posto del), e non PER il cittadino (nel senso di: in favore del) - il mal-governo e la burocrazia hanno finalmente strangolato la nostra associazione.
Non abbiamo posto dove andare.
Data la natura della nostra associazione e considerata la palese omofobia che imperversa in Italia, non possiamo nemmeno, polemicamente, tenere la nostra accoglienza davanti al Comune. Nemmeno in questo modo possiamo protestare e farci sentire.
Un unico ringraziamento, di cuore, va a coloro che ci hanno aiutato, nei sette anni passati, a portare avanti con tanta fatica e tanti sacrifici i nostri servizi.
A tutti coloro che non hanno fatto altro che prenderci per il naso, ingannarci, promettere per non mantenere - quando non palesemente ostacolare - bastano le parole di un attore (non uno studioso, non un nobel, ma un semplice attore): "è tempo di sedersi e riflettere e anticipare la vostra vergogna e la vergogna negli occhi dei vostri nipoti" - state commettendo un errore talmente grande che la vergogna che ne deriverà non dovrete portarla soltanto voi, ma anche i vostri nipoti, per generazioni.

Jonathan - Diritti in movimento