Iscriviti alla mailing list

per essere informato su tutte le attività dell'associazione

clicca qui


Vi dico...

usa in forma anonima questo form, oppure indica un recapito, per comunicare con noi

Accoglienza

Uno spazio per parlare, ascoltare, essere se stessi, incontrare. Momenti di discussione in cui tutti i presenti hanno la possibilità di parlare liberamente, oppure si affrontano argomenti di interesse generale, oppure ancora ci si organizza per eventi e manifestazioni. Per richiesta di incontro o informazioni su incontri in programma chiama 3476163260 o scrivi alla nostra info


Testo di Legge Regionale contro le discriminazioni: primo incontro tavolo tecnico


È stato indetto per venerdì 16 Giugno, presso la sede della Regione Abruzzo sita in Piazza Unione a Pescara, il primo incontro del tavolo tecnico tra le associazioni LGBT+ abruzzesi e le realtà politiche.
L'obiettivo comune consiste nel proporre alla Giunta regionale un testo di legge unico nonché il più possibile condiviso, incentrato sul contrasto alle discriminazioni e alle violenze determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere.
Dopo la recente aggressione di stampo omofobico subita da un ragazzo a Pescara e dopo aver favorevolmente accolto la solidarietà delle istituzioni, chiediamo alla Regione Abruzzo un reale contrasto alla piaga culturale dell'omo-bi-transfobia attraverso leggi mirate.
A tal proposito, durante l’incontro le associazioni promotrici (Arcigay Chieti, Arcigay Pescara e Arcigay L’Aquila, Jonathan, La Formica Viola, Diva Project, i rappresentanti dell'associazione "Famiglie Arcobaleno" e Sinistra Italiana) riproporranno il testo approvato pochi mesi fa in seno al Consiglio regionale dell'Umbria, già analizzato e discusso durante l'incontro iniziale tra le parti avvenuto il 27 Maggio.
La legge da estendere anche in Abruzzo non dovrebbe essere incentrata solo su dichiarazioni di principio, ancorché valide e necessarie, ma soprattutto su azioni concrete. Sono necessarie attività formative per il personale docente delle scuole di ogni ordine e grado, focalizzate sul delicato tema della prevenzione del bullismo omofobo e sul contrasto degli stereotipi e dei ruoli di genere.
Formazione e sensibilizzazione dovrebbero riguardare anche aziende private e uffici pubblici operanti sul territorio regionale, affinché possano garantire a ciascuna persona protezione, accoglienza, sostegno psicologico, soccorso a chi ha subito discriminazioni (la Regione dovrebbe costituirsi parte civile nei casi più gravi) e accesso a servizi sia pubblici sia privati.
Chiediamo, inoltre, specifiche tutele anche per le cosiddette "Famiglie Arcobaleno" nonché un Osservatorio sulle discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale o dall'identità di genere.