Dicembre 2006

Prodi e er Papa

So' annati in visita dar Papa, anvedi!
Er sor Prodi e la sora firste lady,
pareveno perpetua e lo zi' prete!
Doppo li salamelecchi e 'na prece,
sora Flavia va co' li pretacchioni
e soli soli sti du' bei marpioni
se mettono a parla' de cazzi amari:
fecondazzione, froci e staminali.
"Sor Prodi mio, m'arriccomanno,
so' tre cose che fanno morto danno,
ma gnente è peggio che li PACS ai froci."
"Sor Papa mio, è inutile che te coci
ne la rabbiaccia tua, sta ner programma:
'na fregatura da fijo de mamma
che manco te te la penzavi."
"Mortacci tua, e quanno c'arrivavi,
si non t'a suggeriva er sor Rutelli
tanto pe' pija' li froci pei fonnelli."
"Ah, mo' capisco er vostro burattino
co' chi parlava cor telefonino
quanno che stavamo a fa' er programma!"
"E manco male, si no sai che dramma!
Poi ricordete dei sordi alle scole
Pe' accontenta' noi e nostro Signore."
"Sarebbeno contro a' Costituzzione,
ma siccome nun so' tanto cojone
vedrò da falli usci' in quarche modo.
Ma su li PACS dovemo scioglie' er nodo."
"Fa' cussì: tutto fumo e gnente arrosto
e li PACS glieli diamo in quer posto"
Nun me fa pecca' e vedi da smamma',
Famme lavora' che ciò tanto da fa'."

Claudia